claudiorai
In questa sezione pubblichiamo gli appunti e le lettere che ci arrivano da Fra Claudio direttamente dal convento di Minucciano. Buona lettura e buona meditazione.

CertosaWeb2

Pubblichiamo nello spazio dedicato a Fra Claudio  alcune foto della presentazione alla Certosa di Farnetra della sua  statua di San Bruno.

Potete scaricarle tutte ad alta definizione da questa cartella.

 

bioclaudio-smallEcco una sorpresa che tutti stavamo aspettando..

In anteprima un capitolo della biografia di Claudio Canali.

Pubblicata con il permesso di Fra Claudio.

Leggetela qui.

Riceviamo da Minucciano e volentieri pubblichiamo una raccolta di poesie di Fra Claudio. Da leggere e meditare.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una preghierra a San Bruno scolpita in solido marmo da Fra Claudio Canali.

San-BrunoQuel giorno alla Certosa di Farneta è indimenticabile, indelebile, immenso nella sua qualità. È uno di quei doni che solo Dio può dare. Il motivo di tutto questo non lo so. Penso però che non vada cercato oltre il dono immeritato da parte della Grandezza di Dio.

 

La Certosa di Farneta è una certosa viva. Ventiquattro certosini tra fratelli e Padri di cui una buona parte giovani. Pieni di luce e di carità. Belli da vedere in quell’abito bianco e belli da ascoltare nel Gregoriano che ho cantato con loro durante una indimenticabile celebrazione eucaristica col rito proprio certosino. Tutto questo mentre incredibilmente la statua marmorea raffigurante San Bruno era collocata su di un piedistallo (con fiori alla base) al centro della navata vicino all'ambone (leggio per le letture). Dopo questa “veramente sacra” celebrazione, la statua fu portata in capitolo sopra un altare (sempre con fiori) dove fu benedetta dal Priore. Ed io emozionato e confuso come non mai dopo il discorso del Priore e del committente Fratel Giampiero, invitato, lessi quel foglio - che avevo scritto avendo avuto un presentimento su come avrebbe potuto svolgersi la benedizione - davanti ai certosini ed al Priore che nella loro compostezza e splendore invitavano al rispetto ed al timor di Dio, rivelando la grandezza della Spiritualità certosina.

La tensione (mia) si sciolse poi, quando cordialmente i certosini mi fecero domande sulla statua. Ancora adesso il “sapore” di quella giornata ritorna con gaudio e stupore.

Ringrazio di cuore il Signore. Spero soprattutto che i frutti di questo gran dono siano anche per altri. Tutto sia a lode e gloria di Dio.

Una preghiera di marmo: San Bruno

Due bellissime immagini di Fra CLaudio scultore, al lavoro nella sua cella .

Le foto sono di Giovanni Nardini. Clicca sulle foto scaricarle ad una risoluzione maggiore.

fraclaudio1Th

fraclaudio2Th

Un bellissimo regalo di Fra Claudio a tutti gli amici del Biglietto.

E' una poesia sul Natale pensata sulla metrica de "Il Nevare" .

 

SEGUITE QUESTO LINK PER VISUALIZZARLA NELLA SUA FORMA ORIGINALE

 

Custodi della bellezza. Così chiama gli artisti il Beato Giovanni Paolo II nella sua "Lettera agli artisti" del 4 aprile 1999. 


Quindi qualsiasi artista e chiunque è attratto dalla bellezza la deve conoscere. È bene conoscere la bellezza perché la sua conoscenza ci rimanda a Dio che è Verità , Bellezza e Bontà. È bello conoscere la bellezza, perché conoscere è amare. 

 
È doveroso conoscere la bellezza soprattutto oggi perché essa viene bistrattata, distorta, falsificata e mal usata dall'uomo che vuole specchiare sé stesso in lei. Ma la bellezza è e rimane riflesso di Dio. Certamente non ci si deve fermare alla bellezza in sé altrimenti è idolatria, ma si va sempre oltre, perché Dio è sempre oltre ogni conoscenza umana. Noi vedremo Dio così com'è solamente oltre la morte. La bellezza non è solo da "vedere" ma anche da "ascoltare". 
Quindi anche una bella musica se ben ascoltata, parla di Dio. 

 Qualunque bel suono, o bella parola o una bella poesia che dall'orecchio arriva al cuore parla di Dio (e per reazione amorosa stimola il cuore a parlare con Dio). Ecco i motivi che muovono i desideri di questa minima sintesi sulla bellezza.

Per amare Dio bisogna conoscerlo.

 

SEGUI QUESTO LINK PER ACCEDERE A TUTTO IL DOCUMENTO.

 

Fra Claudio

Dio da sempre ci ama e ci chiama.


Se con il senno di poi vado a cercare negli angoli del passato, anche i più remoti, come in povere capanne troverò tracce di questo Amore – Bellezza – Verità che ci cerca, ci ama ed è la nostra felicità, nonostante le nostre infedeltà. Anche nel “nevare” c’erano queste tracce.


Sono andato a vedere, oltre che al resto, chi c’era e cosa c’era in questa capanna solitaria e forse abbandonata, e ho trovato, non senza gioia chi da sempre mi cercava.Questa capanna, solitaria ma non abbandonata, alla fine, era il mio cuore.
Cerca bene anche nel tuo cuore e scava nel passato … troverai!

Leggi il nevare di Natale.


P.S. È fortemente consigliato per la lettura del passato e del “cuore”, di munirsi degli “occhiali della Fede”. Forniti a richiesta dal Distributore Autorizzato.

Auguri

Fra Claudio

 
Una coppia di giovani amici, Sandro e Moira, voleva andare a Lourdes per ringraziare la Vergine Santa di una molto probabile Grazia ricevuta, e chiedevano se un Frate di noi poteva accompagnarli.

 Ci conosciamo, siamo amici, ma la nostra "stabilitas Ioci" ci impone di non uscire dall'Eremo, se non in caso di necessità e a discrezione del Superiore. Infatti, il Superiore continuava a rispondere alle loro gentili insistenze, che non era possibile.

PUBBLICHIAMO IL TESTO DE ."L'INNO DELL'OBLATO" di Fra Claudio Canali

ASCOLTALO CLICCANDO QUI (formato wma)