bioclaudio-smallRiceviamo da Fra Claudio da Minucciano un'altro capitolo della sua biografia.

Nella speranza che sia di aiuto ai fan più giovani e ai figli dei fan storici del "Biglietto".

Scaricatelo da questo link. Oppure continuate a leggere...

 

 

L'uomo e la donna o tra i rovi o tra i gigli.

Le prime attrattive uomo-donna, nella giovane età, erano piene di poesia. Con un amico andavo nei paesi vicini per vedere e magari incontrare le ragazze, perché la dolcezzadel cuore femminile, la grazia e il mistero, essendo una attrattiva normale e naturale,facevano quei momenti importanti e vitali. Era un fiore che sbocciava con il suo profumo e la sua bellezza. Nel paese eravamo controllati e non osavamo più di tanto. Controllati giustamente perché inesperti come eravamo avremmo potuto fare dei danni. Il controllo era l'occhio amorosamente vigilante dei genitori, dei parenti e degli amici dei genitori. Così i primi amori in quei tempi erano belli, pieni di poesia, di battiti di cuore, di manifestazioni amorose dove la prudenza, il senso del pudore, e il timore di Dio regnavano ancora.

L'avvento di nuove ideologie che fanno presa sui giovani e sugli inesperti, però hanno di nuovo spostato il centro che è l'ordine creato, la verità, l'armonia. Per egoismo e sensualità hanno dirottato l'uomo creatura di Dio che va verso Dio con l'astuzia ereditata nel peccato da Lucifero, sempre spirito di luce, ma di luce falsa, deviante, devastante, perdirezionarlo verso l'amor proprio, l'egoismo, l'orgoglio, tutti attributi luciferini. Anche la sfera affettiva, naturale sentimentale è devastata dalla menzogna egoista, così l'attrattiva uomo- donna è manipolata e gestita dall'istinto senza la ragione, senza il vero amore. Il piacere sensuale personale, prende il posto del casto amore reciproco. L'edificio costruito da Dio viene smontato e ricostruito in un nuovo progetto firmato da falsi profeti. "Io sono mio e mi gestisco io" era un grido che sentivo negli anni '70 e che a volte, nella confusione anch'io ho urlato. Era ed è il sentiero dell'egoismo che sulle montagne della vita finisce sempre in un dirupo.

Molti caddero in questo dirupo (anch'io) perché il fomite della concupiscenza, ereditato dal peccato originale, ci fa tendere alla trasgressione. E se non c’è la preghiera, facilmenteci si cade. Così il fidanzamento perdette tutta la poesia, la bellezza e la prudenza vennero allontanate a forza dall'istinto egoista. Non si passeggia più mano nella mano, non ci si vede più alla fine della Santa Messa, lì fuori dalla Chiesa, ora si cerca un posto nascosto,buio dove al più presto fare quello che Dio non vuole pensando che così si è adulti, liberi. "Adamo dove sei? Perché ti sei nascosto? Cosa hai fatto? "In quegli anni la donna divenne un oggetto di piacere (e l'uomo anche). Relazioni consacrate all'ipocrisia, il mercato del sesso dove con le altre due "esse" formava la trinità blasfema in cui credere, vivere, morire. Sesso, Soldi, Successo. Ancora oggi questosssibilo di satana miete vittime, e quel vile piacere carnale, lontano galassie dall'Amore,viene presentato come frutto prelibato, ma l'amaro nel cuore e nell'anima è l'effetto de lveleno che c'è in esso. Alcuni amici e amiche di quei tempi, rimasero onesti e ora sonosposati con figli ormai grandi, famiglie queste che sono ancora una fortezza, una piccola Chiesa, e i figli, pur nella loro fatica di esistere, sono felici e sono quelli che porteranno avanti la vita su questa terra, grazie a Dio e ai loro virtuosi genitori e a suo tempo riceveranno il premio dovuto. Questa è la prova che anche a quei tempi di bufera si potevadire no! alla triade del non serviam... è così bello e buono tutto ciò che Dio ha creato .Perché ribellarsi? L'egoismo distorce il bello, la Grazia invece trasforma e fa risplendere dibellezza.

A distanza di anni la maturazione umana e spirituale, grazie alla Grazia e alla ascesi,mi hanno portato molto più vicino alla Verità, e qui all'Eremo non molto tempo fa, con ilcuore pulito, sulla porta della Chiesa all'uscita dopo la Santa Messa per un dialogo che non potevo fare ad occhi bassi, vidi occhi di donna in un volto dove tutto era debitamente proporzionato. Come il bene è diffusivo, così il bello tende a manifestarsi. La Claritas suquel volto parlava di un'anima candida, casta, virtuosa.

Dopo un attimo dove l'intelligenza e non i sensi ebbe una breve contemplazione estetica,data la Claritas pulchri, abbassai lo sguardo, non solo per non allarmare con un insistente attenzione il casto pudore femminile e perché la Prudenza che frena la cecità dell’istinto fu richiamata sul posto, ma anche perché tutto ciò mi rimandava a Dio. E allora dicodentro di me: "Perché anche qui abbiamo rovinato quella meraviglia che è tutto ciò cheDio ha creato? Perché abbiamo addentato con la bava alla bocca quel frutto avvelenato? Perché vogliamo essere come gli animali e non come gli Angeli? Perché ascoltiamo quel maledetto serpente schifoso che ci odia? E lo sappiamo che dopo quel morso avvelenatoci si sente colpevoli. Purtroppo molti ora hanno la coscienza che è coperta dalle squame verdastre dell'abitudine egoista, che copre la voce di Dio, così si sta male e non si saperché. Si buttano le perle nel fango, si calpestano. I gigli vengono falciati e nascono i rovi del malessere, le tenebre dell'egoismo. La Santa Chiesa riporta un eco... "Io Sono Dio" e non "io sono mio". La Santa Chiesa è Madre e ti può educare. Nel dolcissimo Cuore Immacolato di Maria, lì c'è la tua scuola. Non andare a Babilonia la prostituta, rimani nellevalli dei gigli, indossa le perle che il Creatore ti ha donato. Gesù è l'Amore che unisce.Amare non è cibarsi di frutti proibiti. Dio è Amore.

Fra Claudio