GIUSEPPE 'PILLY' COSSA - Hammond, piano
Lecco - 12/04/1950


È uno che non ha mai amato gli steccati e già a nove anni, quando comincia a suonare il pianoforte, si rende conto che la rigida impostazione classica della sua insegnante gli va troppo stretta e preferisce eseguire ad orecchio le musiche che ascolta suonare da suo padre, musicista dilettante e suonatore di fisarmonica, contrabbasso e batteria.

A quattordici anni forma il suo primo gruppo musicale con alcuni amici e compagni di scuola "I Burgundi" e suona in alcuni locali di Lecco e del circondario.

A sedici anni entra a far parte dei Mako Sharks, un gruppo molto conosciuto a Lecco e con loro inizia un'attività intensa in sala da ballo ed anche alcune esibizioni in forma di concerto. Ai Mako Sharks si uniscono in seguito Marco Mainetti e Fausto Branchini con i quali poi andrà a formare il Biglietto per l'Inferno.

Dopo lo scioglimento del Biglietto continua per un paio d'anni a suonare in sala da ballo nel gruppo dei "Superboni" assieme a Mauro Gnecchi.

Nel 1978 assume la direzione del coro maschile di musica popolare Coro dell'Innominato di Vercurago (un piccolo comune del comprensorio lecchese) che dirigerà fino al 1999.

È tra i soci fondatori del C.R.A.M.S. (Centro Ricerca Arte Musica Spettacolo) di Lecco.

Dal 2001 suona l'organetto diatonico con Mauro Gnecchi, nel gruppo di musica popolare Bandalpina, formata da musicisti provenienti dalle province di Brescia, Bergamo, Milano e Lecco. Con Carlo e Renata ha fondato il Comballo

Dal 1975 è insegnante di Educazione Musicale. Attualmente insegna presso l'Istituto Comprensivo di Valmadrera a Lecco, città nella quale risiede.